Ultime NEWS
giovedì 11 febbraio 2016
lunedì 13 ottobre 2014
mercoledì 24 settembre 2014
lunedì 22 settembre 2014
mercoledì 17 settembre 2014
sabato 12 aprile 2014
venerdì 21 febbraio 2014
 


Newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Registra Cancella
Credits

Arcidiocesi di Brindisi - Ostuni

LE CAMPANE

LE CAMPANE
La torre campanaria è, per la storia della città di Mesagne, più di una struttura architettonica: era il luogo in cui, grazie ad un vano al piano rialzato, si custodivano le carte di archivio dell’Università.
Adesso, ovviamente, è importante per le sue campane.
Iniziamo dal NUOVO CAMPANONE CIVITAS MARIAE, realizzato dalla «Fonderia ing. Francesco De Poli» di Vittorio Veneto.
Essa reca l’iscrizione: «A.D. 2003 Anno della proclamazione di Mesagne Città di Maria, reca in rilievo l’Effigie della Madonna del Carmine, lo Stemma della Città di Mesagne e la Preghiera:

Vergine Madre di Dio
Signora e Regina di Mesagne
A te
Il canto della fede antica
Del nostro popolo
Per tutti noi
L’annuncio sereno della speranza
Lungo il cammino del terzo millennio
C’è poi da ricordare il vecchio CAMPANONE. Mastro fusore fu Donato Antonio Avolita da Vignola 1752. Ha il diametro di cm 120 e l’altezza di cm 102 è intonata sulla nota musicale Re ed ha impresse in rilievo le effigi di San Eleuterio, della Madonna del Carmine, e dell’Universitas di Mesagne
Quindi la campana “Regina Pacis”, o “La Nova “mastri fusori Raffaele e Giuseppe Olita da Lecce. Fu realizzata nel 1854 e rifusa nel 1947 dalla fonderia Francesco De Poli in Vittorio Veneto. Ha diametro di cm 93, l’altezza di cm. 75 ed è intonata sulla nota musicale sol. Reca impresse le effigi della Madonna del Carmine, S. Antonio di Padova, Immacolata Sacro Cuore di Gesù, San Giovanni Battista, S. Eleuterio. Più in basso vi è il monogramma della Vergine Maria.
Ancora ricordiamo la CAMPANA, del mastro fusore Giovanni Maria Cupito da Messina del 1611. Ha diametro di cm 94 e altezza di Cm 89 La nota musicale sulla quale è intonata è il Sol# ed ha in rilievo l’effige della Madonna.
Quindi la CAMPANA battezzata con i nomi di “redenta” Carmela”. Mastro fusore fu Giovanni Maria Cupito da Messina nel 1608 e rifusa da Giuseppe Olita da Lecce 1892, e nuovamente dalla ditta Francesco De Poli da Vittorio Veneto 1934. Ha diametro di cm 55 e altezza di cm 44. La sua nota musicale è il Mi.

ugg sale http://www.cittadiniattivibernalda.it/
pandora jewellery